Photobucket

Al Ditirammu “Aspettando Turidduzzu”

18 dicembre 2012 Daniela Nessun commento

Dal 1995 ogni anno a Palermo in prossimità del Natale, il Teatro Ditirammu mette in scena Ninnarò, il Presepe raccontato, una composizione di Rosa Mistretta e Vito Parrinello, un saggio di poesia popolare che umanizza e ripercorre con devozione, la celebrazione della nascita di Gesù.

Liberamente ispirato al Vangelo secondo Luca e al repertorio musicale popolare, Ninnarò si rifà alle ‘Parti’ della Novena dei sunatura, cantastorie spesso ciechi che fino a non molto tempo fa in Sicilia raccontavano fatti ed avvenimenti secondo un antico almanacco di usi e costumi popolari.

Nel 2010, quella rappresentazione, è diventato un film documentario per la regia di Vincenzo Pirrotta che nel 1995 ne fu protagonista con la regia teatrale di Mimmo Cuticchio e le scenografie di Fabrizio Lupo.

Prodotto dall’Associazione Piccoli Teatri con il sostegno dell’APQ Sensi Contemporanei, l’Accordo di Programma Quadro, dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero Beni e Attività Culturali – DG Cinema, dal Dipartimento Regionale dei Beni Culturali, Ambientali, dell’Educazione Permanente, dell’Architettura e dell’Arte Contemporanea, dalla Sicilia Film Commission e Cinesicilia srl.

Nell’ambito delle attività del Teatro Ditirammu, durante il periodo natalizio del 2010 la rappresentazione teatrale è stata trasmessa più volte da RAI News.

Sostenuti dalle indagini antropologiche di Nino Buttitta e di Elsa Guggino con il Folkstudio, Rosa Mistretta e Vito Parrinello si sono ispirati ad alcuni antichissimi canti del Natale popolare siciliano e al prezioso suggerimento di Vincenzo Pirrotta per un personaggio realmente conosciuto a Bisacquino, nell’entroterra siciliano.

Con Turidduzzu hanno elaborato un personaggio che è la personificazione dell’immaginario popolare che spesso umanizza il sacro e lo avvicina alla quotidianità. “Sono le emozioni dell’anima dei più umili che raccolgono nella loro fantasia un sentimento profondo di fede”, affermano i due artisti, in scena con i figli Elisa (cantante e scenografa), Giovanni (musicista), la nipotina Noa (per la prima volta sulla scena) e con l’Orchestra del Teatro Ditirammu.

Il film è corredato da una pubblicazione a fumetti curata dal disegnatore Ignazio Piacenti.

La regia del film è di Vincenzo Pirrotta.

Proiezione e racconto di Rosa Mistretta e Vito Parrinello

Lo spettacolo andrà in scena a dicembre nei seguenti giorni e orari:

giorni 8, 10, 11, 12, 14, 17, 18, 19, 20, 22  – ore 17:30

venerdì 21 dicembre – ore 21:00

domenica 23, e lunedì 24 – ore 11:30

Ingesso unico €3,00

 

Il 21 dicembre le Malerbe fanno logOFF

18 dicembre 2012 Daniela Nessun commento

Il mondo finirà davvero il 21 dicembre come sostiene il popolo Maya? O sarà il giorno che segnerà la rinascita e il cambiamento dell’umanità? Questa è la domanda che chiunque, dalle più alte cariche istituzionali alla gente comune, si fa in questi giorni.

Se lo chiedono anche le Malerbe, ovvero il trio comico di attori formato da Cristiano Pasca, Gero Guagliardo e Giovanni Mangalaviti, che il 21 dicembre 2012 alle ore 21 invitano tutti gli iscritti a Facebook a fare il “logoff”, ovvero un distacco di 3 giorni del proprio account sul più popolare dei social network.

Le regole sono semplici e sono spiegate in un video su YouTube intitolato “logOFF December 21, 2012”, che ha ottenuto oltre mille visualizzazioni, sottotitolato in inglese e che spiega in modo semplice cosa fare, senza perdere i propri dati: http://www.youtube.com/watch?v=Sko1DF_L_kU

«Crediamo ragionevolmente – dicono le Malerbe – che il 21 dicembre 2012 non cambierà nulla. Ma se qualcosa deve cambiare, c’è bisogno di una volontà: la nostra. Cosa fare? Fermare per un po’ quel profilo della nostra esistenza che ci ha incatenato a vivere una realtà alternativa, una identità digitale da cui dipendiamo, uno specchio di noi stessi racchiuso in un diario virtuale. Tutto questo possiamo isolarlo in un limbo. Tutti insieme».

I passi da fare sono semplici: entrare nel profilo, andare su “impostazioni account”, cliccare su “protezione” e poi su “disattiva il tuo account”. Nell’area “motivo della disattivazione” selezionare “altro” e fornire come spiegazione “LOGOFF”, confermare, inserire la password, cliccare su “disattivare ora”, inserire il codice di sicurezza e cliccare “invia”. Da questo momento l’account sarà disattivato. Per riattivarlo basterà un normalissimo accesso. Ma chi sarà andato via da Facebook, avrà voglia di tornarci?

«Il 21 dicembre 2012 – continuano le Malerbe – scopriremo la realtà: siamo schiavi o padroni delle nostre azioni? Da anni su Facebook facciamo il login la mattina e il logout la sera. Per una volta, facciamo il logoff».

Chi ha fatto il logoff può inviare l’indirizzo del suo account (www.facebook.com/nomeutente) alla mail logoff@lemalerbe.it. Andando sul sito www.lemalerbe.it si potrà monitorare in tempo reale il numero delle persone che per 3 giorni, o forse per sempre, avranno deciso di dire addio a Facebook.

 

Ai Candelai gli Apple Scruffs presentano “John Lennon Tribute”

18 dicembre 2012 Daniela Nessun commento

Ritornano gli “Apple Scruffs” per un concerto dedicato a John Lennon e ai Beatles! In occasione del 32° anniversario dalla scomparsa del grande musicista inglese, i Cirrone Alessandro (chitarra e voce), Mirko (chitarra e voce) e Bruno (basso e voce) insieme a Ferdinando Piccoli alla batteria e Manfredi Bruno alle tastiere, rivisiteranno, mercoledì sera ai Candelai, i brani più rappresentativi di Lennon partendo dalle prime composizioni dei Beatles fino ad arrivare ai più significativi brani della sua carriera da solista.

Una corposa scaletta di circa 30 brani fatta da titoli che spaziano da”A Hard Day’s Nignt” a “Help”, dalla psichedelia della discussa “Lucy in the Sky with Diamonds” e la magica “Strawberry Fields” a “Don’t Let Me Down” e “Come Together” o “A day in the life”. E ancora brani della carriera solista come la mitica “Imagine”, “Istant Karma” e “Give peace a Chance”. Un lungo percorso, ricco e amato da tutti i componenti di questo tributo che scorrerà fino all’ultimo album “Double Fantasy”,pubblicato prima del suo assassinio.

E ancora qui e là di chicche come “How” e “How do you sleep” per i grandi appassionati.

Gli Apple Scruffs negli scorsi anni hanno partecipato, unica band italiana, a più edizioni del Beatles Festival di Liverpool, ottenendo un grande successo di critica e di pubblico in occasione dei loro numerosi concerti al “Cavern Club”, locale storicamente rinomato per essere stato il primo palcoscenico importante dei “quattro baronetti” e non solo:Rolling Stones, The Who Eric Clapton e Oasis.

Gli Apple Scruffs sono stati accolti nel migliore dei modi, grazie anche alla notevle perizia con cui i quattro ripropongono il repertorio beatlesiano, tanto da rappresentare l’Italia nei festeggiamenti del Liverpool Capital of European Culture 2008 che si è svolto proprio nella città inglese.

mercoledì 19 dicembre alle ore 22

presso I CANDELAI (via Candelai, 65)

ingresso 5 euro.


A Palazzo dei Normanni la personale del maestro Guccione

20 luglio 2012 Daniela Nessun commento

L’ispirazione che conduce alla creazione di un’opera d’arte, certe volte, può non arrivare direttamente dalla realtà circostante, ma anche dall’esperienza che un’artista vive di altre espressioni dell’intelletto umano, quali la letteratura, la  musica e il cinema. Esattamente come accade per le opere raccolte nella mostra del maestro siciliano Piero Guccione, “Luoghi dell’arte tra musica, letteratura e poesia”, organizzata dalla Fondazione Federico II, in collaborazione con il Centro studi “Feliciano Rossitto” di Ragusa, che sarà inaugurata venerdì 20 luglio 2012, alle ore 19, nelle Sale Duca di Montalto a Palazzo dei Normanni di Palermo. In esposizione oltre quaranta immagini dell’artista di Scicli, prevalentemente pastelli su carta, che il pittore ha realizzato trasformando in soggetti originali le sensazioni e gli stimoli generati dall’osservazione e dalla lettura di altre opere d’arte, da classici della pittura, come “La scuola di Atene” di Raffaello Sanzio, a capolavori della letteratura, come “Il gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa.

Presentazione del 1° numero del magazine Shalò idee per godersi la vita

20 luglio 2012 Daniela Nessun commento

Mercoledì 25 luglio alle ore 20.00 presso il circolo nautico Costaponente di Palermo sarà presentato il nuovo magazine Shalò – idee per godersi la vita, promosso da Emmelle Advertising Works di Massimo Cardella. Alla serata prenderà parte la nota modella Youma Diakite testimonial del servizio moda realizzato con la collaborazione delle aziende Massimo Ardizzone, Dress, Passione del Tempo e Barbarò. L’invito è strettamente personale e potrà essere ritirato presso il negozio Dress di via Gaetano Daita.

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline