Home > Cultura, Eventi, Spettacoli, Turismo > La VI edizione del Palermo Teatro Festival chiude con Baliani

La VI edizione del Palermo Teatro Festival chiude con Baliani

13 dicembre 2010 Daniela

Da lunedì 13, alle ore 21.15, a venerdì 17 dicembre, si svolgerà un progetto speciale che chiude la VI edizione del Palermo Teatro Festival prima della tanto attesa festa di chiusura.

Si tratta de Il Viaggiatore Incantato di Marco Baliani, che con il suo teatro e la sua scrittura animerà l’intera settimana .. 

..Ventun’anni fa ho raccontato per la prima volta Kohlhaas. Seduto su una sedia per un’ora e mezza sperimentavo un teatro di pura narrazione. Da allora si chiamò così, per tutti quelli, e furono e sono tanti, che seguirono il mio esempio, provando ciascuno in forme e contenuti diversi a ridurre lo spazio scenico ad un corpo narrante. Ho detto “pura” narrazione, ma sono le impurità a rendere vivo un racconto. Più di una buona metà del “testo” di Kohlaahs è composto da ciò che fa il mio corpo, dai piedi che battono il ritmo, dalle mani, dagli sguardi, dalla biologicità vivente del mio essere. Dopo vent’anni, oltre a riproporre lo spettacoloracconto, voglio provare a narrare la genesi delle immagini di cui Kohlhaas è composto, non una lezione, ma un altro racconto che parla dell’arte del narrare, uno smontaggio drammaturgico dell’opera. Le esperienze e riflessioni accumulate in questi anni sono raccolte in un libro “Ho cavalcato in groppa ad una sedia” che presento attraverso un’altra forma di racconto, un viaggio dentro le modalità con cui ho costruito nel tempo la mia arte. L’incanto è il secondo termine del titolo del progetto. Quando nasceva Kohlhaas avevo già raccontato molte altre storie. Dalla metà degli anni ‘80 avevo cominciato a narrare fiabe a bambini e ragazzi. Per questo, nella settimana di permanenza al Teatrofestival di Palermo voglio raccontare anche una fiaba, Frollo. Le fiabe ci permettono di immaginare mondi diversi da quello in cui viviamo. Ognuno di noi sotto la scorza del ranocchio con cui conduce l’esistenza, nasconde un principe potenziale, in attesa di un bacio o di un tocco che lo riveli e lo trasformi e può accadere talvolta che qualcuno non resti in attesa ma che quel bacio lo vada a cercare, lottando. A questo servono le fiabe. Ho pensato poi di raccontare, con Tracce, in una collana di narrazioni che ruotano intorno alla parola “stupore”, il mio percorso di narratore incantato. È uno spettacolo che nasce ispirandosi alle riflessioni di Ernst Bloch, per vedere, se sia possibile “pensare anche affabulando”. Racconto, per frammenti e brevi racconti, che la realtà non sempre è certa, che le verità sono nascoste là dove meno ce le aspettiamo e che il mondo è abitato da multiforme presenze. In Africa ho imparato che gli spiriti abitano ovunque, negli esseri viventi e nelle cose, e appartengono allo stesso incantamento. Di sicuro uno spirito ha abitato un pezzo di legno fino a farlo sgambettare in fuga verso la difficile trasformazione da burattino ad essere umano. So che le storie, come l’arte, non cambiano il mondo, ma possono riuscire a renderlo meno terribile, a immaginarlo diverso, a immaginarlo altrimenti possibile. In-canto, serve una voce di sirena per accedere all’incantamento, quella voce è capace di succitare effimere immagini, sempre sfuggenti, mai raggiungibili pienamente, ma al tempo stesso dense di verità, vibranti, palpabili. Anche per questo racconto, per permettere a certe parole, a certi gesti, ad alcune immagini di non sperdersi in mezzo agli scaffali delle merci, dove tutto è ordinato da un prezzo, e dove solo si possono consumare. Narrando le sottraggo alla scorrere opaco dei giorni, divengono esperienze da usare, luccicano, come i sassolini di Pollicino per ritrovare la strada.

Marco Baliani

Programma incontri

Atelier, ingresso libero

13 dicembre, ore 21,15

HO CAVALCATO IN GROPPA AD UNA SEDIA

incontro-presentazione

14 dicembre, ore 17,00 L’ARTE DELLA NARRAZIONE

incontro-laboratorio

15 dicembre, ore 21,15

L’ARTE DELLA NARRAZIONE

lezione-spettacolo sullo smontaggio drammaturgico di Kohlhaas

Teatro

14 dicembre, ore 21,15

KOHLHAAS

da Heinrich von Kleist, testo e drammaturgia di Marco Baliani, Remo Ristagno

16 dicembre, ore 21,15

TRACCE

da Ernst Bloch, di e con Marco Baliani

17 dicembre, ore 21,15

FROLLO

di Marco Balani e Mario Bianchi

 

INFO

Nuovo Montevergini Piazza Montevergini – Palermo – tel/fax 091. 6124314 – 3828

www.nuovomontevergini.com

PREZZI

Intero euro 8

Ridotto euro 5 (universitari e giovani fino ai 18 anni)

Atelier ingresso libero

Prevendita on line www.nuovomontevergini.com

o c/o il botteghino del teatro alle 20 del giorno dello spettacolo

Categorie:Cultura, Eventi, Spettacoli, Turismo Tag:
I commenti sono chiusi.
SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline