Home > Cultura, Eventi, Mostre, Percorsi Lab, Spettacoli, Turismo > A Castellammare del Golfo il museo racconta le tradizioni del latte e del miele

A Castellammare del Golfo il museo racconta le tradizioni del latte e del miele

28 luglio 2010 Daniela
 Sabato 31 luglio e domenica 1 agosto Castellammare del Golfo ospiterà la seconda edizione de “Il museo racconta….”, la rassegna culturale organizzata dalla Fondazione Annalisa Buccellato e l’omonimo Museo Etno-Antropologico, che quest’anno vede protaginisti i latte e il miele. Media Partner Radio Media che darà vita durante la kermesse all’evento esclusivo “Radio LatteMiele”. Un affascinante ed articolato viaggio in compagnia di apicoltori, enogastronomi, esperti, giornalisti, studiosi. L’intera iniziativa ha l’obiettivo di creare e diffondere cultura in modo dinamico. Il museo è per definizione un luogo statico dove gli oggetti sono custoditi ed esposti lì in attesa di essere visitati. Con la rassegna “Il Museo racconta…”, riferisce Giuseppe Buccellato, presidente della Fondazione Annalisa Buccellato, ci proponiamo ogni anno di fare vivere un pezzo di museo portando fuori gli oggetti e facendogli svolgere le azioni a cui un tempo erano destinati”- I relatori del convegno di apertura dal titolo “Latte e Miele, millenaria corrispondenza di saporosi sensi” previsto per il giorno 31 Luglio, alle ore 18.00, nella sala conferenze del Castello Arabo-Normanno di Castellammare del Golfo, saranno: Santo Caracappa, direttore sanitario dell’Istituto di Zooprofilassi Sperimentale Sicilia, Giancarla Galli, vicepresidente nazionale della Federazione Apicoltori Italiani, Salvatore Verga, professore di Scienze Dietetiche dell’Università degli studi di Palermo, Don Fabiano, arciprete della Chiesa Madre. Moderatore del convegno sarà Gaetano Basile, giornalista e scrittore. I laboratori live saranno allietati ancora una volta da Gaetano Basile, viaggiatore colto e divulgatore di tutto ciò che è cultura siciliana, che parlerà di latte, formaggi, miele con toni lievi e divertenti. Si parlerà dell’idromiele e del miele, cibo degli antichi dei dell’Olimpo per continuare con il latte ai tempi di Polifemo, dell’Iliade e dell’Odissea, fino a Teocrito. Sarà messo in scena uno spettacolo di gestualità preparando la ricotta ed il formaggio, il miele e la cera davanti al pubblico e raccontando le diverse tecniche, l’evoluzione e le tradizioni. Verrà ricreata l’ambientazione di una stanza da letto d’epoca con i pezzi di proprietà del Museo. Per ricordare la luna di miele dei nostri nonni. Per gli spettacoli musicali: Mario Incudine, cantautore ennese considerato dalla critica l’interprete di “un modo nuovo di cantare la Sicilia fra il cantastorie e il cantautore”, che il 31 Luglio, alle ore 22.00 salira sul sul palco con Franco Barbarino (corde), Antonio Vasta (zampogna, fisarmonica e organetto), Antonio Putzu (fiati etnici), Pino Ricosta (basso), Emanuele Rinella (batteria) e Riccardo Laganà (percussioni). Il folklore e l’essenza della tradizione locale e regionale continueranno il giorno successivo con lo spettacolo del Coro – Città di Trapani- con trentacinque componenti, accomunati dallo stesso amore ed interesse per la cultura popolare siciliana.
Per informazioni sul programma: www.annalisabuccellato.it
 
I commenti sono chiusi.
SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline